Il giardino megalitico di Giurdignano: scoprilo il 2 giugno!

Menhir San Paolo a Giurdignano

Il 2 giugno ricorre la Festa della Repubblica italiana ed è un'occasione ideale per trascorrere una giornata alla riscoperta della tradizione, della natura e della storia, nel corso di una piacevole e rilassante vacanza. Il Salento gode di tantissimi elementi ideali a garantire un soggiorno indimenticabile, all'insegna del divertimento, del relax e della cultura.

Una meta salentina particolarmente indicata per chi ama viaggiare alla scoperta di mondi antichi e di monumenti naturali, è certamente il Giardino Megalitico d'Italia, situato a Giurdignano, comune dell’entroterra salentino, a pochi Km da Otranto

La zona di Giurdignano è molto importante per la storia antica della Terra d’Otranto: qui, infatti, si trovano oltre 25 monumenti megalitici del Salento, tra dolmen, menhir e specchie.

La quantità di megaliti presenti a Giurdignano pone il piccolo paese in una posizione di rilievo a livello nazionale, tanto che esso, insieme ad alcune zone della Sardegna, è ritenuto l’anello di congiunzione tra il mondo mediterraneo ed il resto d’Europa.

Trascorrere una giornata all’interno del Giardino Megalitico, durante una vacanza dedicata alla visita delle più belle località del Salento, significa compiere un vero percorso tra queste grandissime pietre calcaree, circondate spesso dagli ulivi maestosi e dalla vegetazione salentina, che sono valide testimonianze dell’antichità.

I monumenti megalitici più importanti del Giardino Megalitico

Per troppo tempo l’immenso patrimonio di Giurdignano è rimasto nascosto e trascurato. Le prime tracce di interesse e di studio di tali monumenti sono da ricondursi in un periodo compreso tra le ultime decadi dell’800 e i primi decenni del 1900, grazie all'opera di alcuni studiosi salentini come Luigi Maggiulli e Cosimo De Giorgi.

Sul territorio di Giurdignano vi sono ben diciotto Menhir e sette Dolmen censiti, a cui si aggiungono i tanti che sono ancora oggetto di studio. Alcuni sono collocati in pieno centro, come il menhir Vico Nuovo o quello noto come Croce della Fausa; altri li potete ammirare in periferia, come, ad esempio, il menhir della Madonna di Costantinopoli, in pietra leccese, che sorge su di un rialto roccioso. Questo si caratterizza per avere le facce smussate e uno zoccolo parallelepipedo sulla sua sommità.

Uno dei menhir più belli e più importanti, è certamente il "piccolo" menhir di San Paolo, posto su una base di roccia e alto all’incirca 2,25 metri. Sorge su uno sperone roccioso dentro cui è stata scavata la cripta di San Paolo. Il suo nome deriva dalla sottostante grotta bizantina, dedicata a San Paolo, la cui presenza ha portato gli studiosi a pensare che, tale sovrapposizione di monumenti, sia dovuta al processo di cristianizzazione subìto dal megalite nel corso dei secoli.

Inoltre, nella grotta potete scorgere ciò che resta di un antico affresco che rappresenta la Taranta, il famoso ragno velenoso che ammorba con il suo morso le "Tarantate", di cui San Paolo è il protettore.

Tra i dolmen più importanti sono da ricordare e visitare il dolmen Orfine, di cui è rimasta la parte terminale e la lastra di copertura, purtroppo rotta in due parti, e i Dolmen Grassi, due dolmen contrapposti a distanza di 140 cm l'uno dall'altro, di cui uno solo risulta essere ancora integro.

Meritano una menzione anche il dolmen Peschio, rinvenuto nel 1910, che ha la particolarità di mimetizzarsi in un'area piena di banchi rocciosi affioranti e il Dolmen Gravasce, scoperto nel 1911, che poggia su due macigni e si eleva per circa 70 cm.

Sono tante le attrattive da ammirare durante un'escursione nel favoloso "Giardino Megalitico d'Italia", le cui bellezze sono anche risaltate dallo scenario delle campagne circostanti, ulteriormente impreziosite dal clima caldo e soleggiato dei primi giorni di giugno.

Guide del Salento

 

Guida Salento

Sfoglia il Catalogo

Contattaci

Via Soleto, 109
73025 Martano (Le)
Telefono
+39 0836 572824

 

Questo sito è in regola Leggi tutto
© Copyright 2013- - SalentoeSviluppo S.n.c. - P.Iva 04536890751
Tutti i marchi, le foto e i contenuti citati appartengono ai legittimi proprietari.